Nasce Slow Food Freespace, il primo Villaggio Slow della Cina ideato dall’architetto italiano Stefano Boeri, che sarà presentato alla 16° Biennale di Venezia . L’emigrazione rurale-urbana in Cina è ai massimi storici: gli esperti stimano un afflusso di 243 milioni di migranti verso le città cinesi entro il 2025. Il progetto nasce per affrontare questa grande ondata migratoria e ha l’obiettivo di migliorare il tenore di vita degli agricoltori.
Il movimento Slow Food, fondato in Italia nel 1986 da Carlo Petrini, promuove il cibo locale, la cucina tradizionale e la sostenibilità nelle economie agricole ed è diventato un movimento internazionale. Ispirato da questa visione, Stefano Boeri ha creato un programma Slow Village per la Cina che comprende tre fulcri culturali: una scuola, una biblioteca e un museo.
— Leer en thefoodmakers.startupitalia.eu/62305-20180529-slow-food-village-stefano-boeri

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

w

Conectando a %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.